Giornata dell’adesione all’Unitalsi, oltre 200 volontari al fianco degli ultimi

Domenica prossima, 27 novembre 2016 verrà celebrata in tutta Italia e in particolare in Molise la “Giornata dell’adesione” all’U.N.I.T.A.L.S.I. (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) che quest’anno ha come slogan “Cambia la tua vita e aiuta chi ha bisogno”.
Per tale occasione è stata lanciata anche la campagna nazionale social: #aderiscoxché.
È uno dei giorni più importanti dell’anno per l’Associazione perché in ogni sottosezione molisana verrà proposto alla cittadinanza di aderire all’U.N.I.T.A.L.S.I. per condividere un percorso formativo umano e spirituale che porti ad essere concretamente vicini a chi ha bisogno soprattutto alle persone con disabilità, agli anziani e ai malati.
Questa giornata non segnerà, però, soltanto l’ingresso dei nuovi soci. Sarà l’occasione per tutti gli unitalsiani per rinnovare il proprio “mandato di servizio” che si esprime soprattutto in occasione dei pellegrinaggi in particolare quelli a Lourdes.
L’U.N.I.T.A.L.S.I. in Molise è presente con una direzione regionale (sezione) a Campobasso e con 4 direzioni territoriali (sottosezioni) a: Campobasso, Isernia, Termoli e Trivento.
Nella regione sono oltre 200 i soci impegnati 365 giorni all’anno soprattutto al fianco delle persone disabili, gli anziani e i minori attraverso attività sociali nelle case di riposo, negli ospedali, nelle famiglie e nelle parrocchie.
In ultimo, ma non per importanza, le giornate con i disabili al teatro e al cinema, la Festa di Primavera e i pellegrinaggi a Lourdes, Loreto, Terra Santa, Collevalenza e in Polonia.
“È un giorno importante per tutta la nostra regione – spiega Anna Di Mella, presidente della Sezione Molisana dell’U.N.I.T.A.L.S.I. – perché è l’occasione per presentare un modello di impegno e di volontariato «con la gente e per la gente» attraverso le nostre attività quotidiane di vicinanza e di sostegno agli ultimi, ma anche con l’esperienza del pellegrinaggio a Lourdes dove l’umanità, soprattutto se sofferente, è al centro di ogni nostra azione”.
“Credo che il modello U.N.I.T.A.L.S.I. – aggiunge Di Mella – sia quello voluto da Papa Francesco nella Chiesa, ma anche fuori di sacrestia, per incontrare le tante e nuove emergenze sociali che hanno colpito la nostra regione”. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *