Finanziamenti per nuove imprese dal Piano di Sviluppo Regionale, se ne parla lunedì in un convegno

Infissi Lombardi

Nuove possibilità per fare impresa nella zone rurali: lo prevedono alcune misure del Piano Regionale di Sviluppo (PSR). E per illustrare le occasioni e i finanziamenti, lunedì prossimo si terrà, a Riccia, un incontro con la partecipazione dell’assessore all’Ambiente della Regione Molise Vittorino Facciolla e di Daniele Ciarlariello, tecnico della Regione Molise.

Si tratta di una “riunione” pratica, promossa dal Comune di Riccia e condivisa da tutte i Comuni dell’area del Fortore. Lo scopo è quello di dare informazioni, il più possibile concrete, a quanti vogliano intraprendere un’attività commerciale, artigiana e di servizi in zona rurale. Dunque non solo imprese agricole.

L’incontro si terrà Lunedì 17 luglio, con inizio alle ore 18 presso, il Villaggio turistico Ciocca.

«Insieme a tutti i comuni del Fortore andremo a presentare le nuove misure messe a bando dal PSR Molise con scadenza 15 settembre – dice l’assessore all’agricoltura e ambiente del comune di Riccia Gabriele Maglieri. La particolarità di queste misure – prosegue – è costituita dal fatto che non sono destinate solo agli imprenditori agricoli ma a tutte le persone fisiche, residenti in aree rurali, che vogliano creare un’impresa nei settori ammessi a finanziamento».

Quali sono questi settori e quali le imprese finanziabili? Nelle diverse sottomisure del PSR è specificato nel dettaglio: a esempio, senza essere esaustivi, si va dai servizi innovativi relativi alla persona ai servizi innovativi nel campo della comunicazione, dall’artigianato all’agriturismo; dal turismo rurale ai servizi di marketing per il turismo fino ad arrivare ai piccoli esercizi commerciali.

Quindi agriturismo, fattorie didattiche e sociali; attività di catering, trasporto locale, servizi di gestione del verde, servizi per le aree protette e produzione di energia da fonti rinnovabili impiegando esclusivamente reflui zootecnici e residui colturali; attività di produzione e trasformazione di prodotti non agricoli per il riciclaggio ed il trattamento dei rifiuti di diversa origine; quindi attività di servizi alla popola ione rurale ed a tutti i settori dell’economia rurale e attività che prevedono l’utilizzo e lo sviluppo delle tecnologie ICT.

Insomma, un ampio ventaglio di possibilità che sarà illustrato, nel dettaglio, nell’incontro di lunedì prossimo, alla presenza degli amministratori locali, dell’assessore regionale e dei tecnici della regione, in vista della scadenza prevista per il 15 settembre 2017. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *