Fiamme allo Iacp, indagini serrate

Athena

Che si tratti di un messaggio rivolto all’ente Iacp è chiaro. Così come è facilmente ipotizzabile che l’autore, sempre se di una sola persona parliamo, sia un inquilino di un alloggio popolare. Ma non può essere escluso che il gesto nasca dal malcontento di chi, cosciente del fatto che non è direttamente l’Istituto di via Monte Grappa che si occupa delle assegnazioni, non ha mai ricevuto una casa, nonostante le richieste. Ipotesi, al momento non c’è nulla di certo. Ma gli agenti della Digos, che hanno ascoltato dipendenti e funzionari a caccia di informazioni utili all’inchiesta, lavorano oramai da giorni per cercare di dare un nome ed un volto all’autore dell’attentato incendiario contro l’Istituto autonomo case popolari di Campobasso avvenuto all’alba di venerdì.

Nelle mani degli inquirenti ci sono anche le registrazioni delle telecamere di sorveglianza dell’ente e di altre attività della zona: filmati che potrebbero supportare le indagini, anche se a quanto pare non è spuntato il volto di chi, intorno alle 5, ha sfondato il vetro del portone d’ingresso e ha lanciato contro la portineria una bottiglia incendiaria. Poi ha tagliato la corda.  Evidentemente non sapeva che all’interno c’era già qualcuno, parliamo della signora che si occupa del servizio  pulizie dell’ente, a quell’ora al lavoro ai piani alti dello stabile. E’ stata lei a chiedere l’’intervento dei Vigili del fuoco che, insieme alla Volante, si sono fiondati in via Monte Grappa per domare le fiamme che, intanto, avevano già danneggiato in maniera evidente parte del pian terreno.

 

Athena

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli