Felicità, sesso, vista e creatività migliorano con l’età

anziani

Le distrazioni sono un problema comune a tutte le età, ma è pur vero che più si invecchia e più è difficile resistere alle distrazioni. Nonostante questo uno studio pubblicato su “Trends in Cognitive Science” e riportato su “La Repubblica” sottolinea che non tutto il male viene per nuocere: dopo i 50 anni infatti il perdere la concentrazione renderebbe più facile risolvere problemi utilizzando la creatività.

Dunque nonostante ci sia un lento e inevitabile declino delle capacità sia cognitive che fisiche, alcune cose sorprendentemente sembrano migliorare con l’avanzare dell’età.

Ad esempio “all’aumentare degli acciacchi” si è più felici. A dimostrarlo è uno studio apparso sulla rivista Perspectives on Psychological Science, che spiego come questa felicità dipenda dai processi cognitivi e dal fatto che con l’età si tende a cancellare i brutti ricordi e a concentrarsi, invece, sulle esperienze più piacevoli.

Anche le gioie del sesso vengono apprezzate di più con il passare del tempo. Secondo un sondaggio condotto da Club 50 plus.it, alla domanda se il rapporto migliorasse con l’età, il 34% degli intervistati ha risposto di sì perché conosce di più il proprio corpo, il 30% lo interpreta come conseguenza di emozioni più forti e un altro 30% lo attribuisce a un miglior feeling con il partner.

Contrariamente a quanto si crede, la vista per alcuni aspetti può migliorare con l’avanzare dell’età. Secondo uno studio dell’Università McMaster di Hamilton, in Ontario, gli anziani sarebbero più abili dei giovani ad individuare immagini in movimento: questo perché nel cervello alcune cellule vanno a inibire delle altre, permettendoci di concentrare l’attenzione su un particolare. Con la vecchiaia, questa azione inibitoria tra cellule è rallentata e permette così di captare qualcosa di più nelle immagini.
”La letteratura ci porta a pensare che la vita delle persone più grandi sia in qualche modo segnata dal calo delle loro capacità cognitive, quando in realtà molti di loro sono sempre pronti ad affrontare le tante sfide della vita quotidiana”, spiega Tarek Amer ricercatore dell’Università di Toronto. ”Questo ci porta a credere che le persone non hanno bisogno di un alto livello di controllo cognitivo per svolgere le attività quotidiane”. Amer e colleghi hanno scoperto che perdere l’attenzione o avere difficoltà a mantenerla hanno un lato positivo: le persone con un ridotto controllo cognitivo, come possono essere le persone più in là con gli anni, riescono più facilmente a trovare soluzioni creative per risolvere i problemi. L’attenzione cala sì ma al tempo stesso abbassandosi è come se si ampliasse, permettendo di fare considerazioni e di prestare ascolto a informazioni cui altrimenti non si bada. E questo è quello che sembrerebbe succedere negli over 50, raccontano gli scienziati, che hanno analizzato i dati di alcuni studi comportamentali e di indagini di neuroimaging, mirate a misurare il metabolismo cerebrale e quindi in maniera indiretta anche l’attività del cervello. Alla luce di questo, per i ricercatori andrebbe rivisto anche il modo in cui si studiano i processi cognitivi. La ricerca sul controllo cognitivo potrebbe inoltre aiutare a capire i meccanismi dell’invecchiamento nel cervello. ”Non sappiamo cosa realmente sostiene le prestazioni nelle persone in là con gli anni, ed è chiaro che la memoria da sola non può fornirci la risposta giusta a questa domanda”, conclude Hashem. ”Lo studio del ridotto controllo cognitivo potrebbe aiutarci a capire come gli anziani riescono ancora a eseguire con successo e in modo indipendente le attività della loro vita”.

 

 

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un semplice sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *