Donne e Polizia di Stato, continua “Questo non è amore”

Continua incessante il grande successo conseguito dal progetto “…Questo non è amore”, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della violenza di genere e accogliere ed aiutare le persone vittime di tali comportamenti, anche nel giorno della Festa della Donna.

Nell’ottica di una polizia orientata non solo ai temi della repressione, ma fortemente sensibile ai temi della prevenzione, diventa fondamentale l’informazione, ed è per questo motivo che il Questore di Isernia, Ruggiero Borzacchiello, si è fatto promotore di un’ampia campagna informativa, sia nelle scuole che per strada, attraverso incontri mirati con docenti e professionisti della materia, e mediante la distribuzione di materiale informativo nelle giornate dedicate al progetto.

Lo scopo è la creazione di un contatto diretto tra le donne e il team di operatori specializzati presenti in Questura, pronti a raccogliere le testimonianze dirette di chi, spesso, ha paura a denunciare.

Chiunque si trovi in pericolo o nella condizione di voler segnalare comportamenti violenti può sempre, in ogni momento del giorno o della notte, rivolgersi a un qualunque ufficio di polizia per ricevere aiuto.

Tra le varie iniziative che vedono impegnata la Polizia di Stato nella giornata odierna, è previsto anche un convegno specialistico, rivolto ai medici e agli operatori del settore sanitario, promosso dall’Ordine dei Medici della Provincia di Isernia, che intende dare un taglio diverso al tema della giornata, dal punto di vista del medico nell’approccio a situazioni che possono “celare” reati di genere. Tra i relatori anche il Questore di Isernia Dott. Borzacchiello.

 

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli