Diritti dell’infanzia, Micone a Palazzo Madama

50k visualizzazioni

Nella giornata di ieri presso Palazzo Madama, il Presidente del Consiglio Regionale del Molise, Salvatore Micone ha partecipato alla presentazione della Relazione 2017 al Parlamento dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Filomena Albano.

Prima dell’illustrazione della Relazione, il Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati ha salutato gli ospiti in sala sottolineando il ruolo fondamentale che svolge il Garante nella tutela dei minori, ancor di più in periodo di profonde crisi sociali ed economiche profonde come il nostro. Il Presidente Casellati ha ribadito la grande responsabilità che hanno tutti insieme i soggetti interagenti con i minori, ossia famiglie, scuole, tutori e istituzioni nel dover garantire loro il diritto di uguaglianza e la sua tutela.

Nell’evidenziare la necessità di dover riscrivere la Convenzione di New York del 1989, è stata avanzata l’interessante proposta di inserire due nuovi: il diritto al tempo, che i genitori devono dedicare ai bambini e il diritto alla loro libertà di sognare.

Diritti che dovrebbe essere naturali e scontati,ma che invece sono impoveriti e rischiano di dilatarsi e scomparire. In tale contesto, le istituzioni devono raccogliere le sfide attuali, abbracciare il linguaggio universale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e tradurli in piani effettivi.

 

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *