Defunti senza tomba, al via le estumulazioni

50k visualizzazioni

Per il Comune di Termoli si tratta della terza ordinanza di estumulazione in pochi mesi. Situazione al collasso al cimitero della città bassomolisana dove, ancora una volta, le persone decedute sono costrette ad ‘aspettare’ per avere un posto dove trascorrere il resto dell’eternità in pace. Si tratta di una emergenza che va avanti da mesi e che ha costretto, ancora una volta, il sindaco Sbrocca ad emettere una ordinanza di estumulazione per 54 defunti. “Essendo trascorsi i termini stabiliti, con Ordinanza sindacale si ordina di procedere, con decorrenza immediata, alle esumazioni/estumulazioni ordinarie, nel Campo B, individuati con la lettera B3 e nel Campo A2 del Civico Cimitero di Termoli, delle salme qui elencate..”.

Si tratta di salme che hanno oltre 40 anni e che, per legge, possono essere esumate e spostate nell’ossario facendo quindi ‘posto’ per i nuovi defunti, quelli che una tomba al momento ancora ce l’hanno e che ‘attendono’ all’interno della camera mortuaria. Una situazione che da mesi sta scatenando le ire dei parenti che, oltre al dolore della perdita (sia essa arrivata improvvisamente oppure dopo una malattia), devono subire anche il pensiero di non riuscire a trovare una ‘casa’ per i loro parenti affinché possano riposare in pace. Rabbia che è arrivata anche su Facebook dove una donna di Termoli ha raccontato la sua storia, tristemente uguale a tante altre. “Mio fratello è deceduto venerdì. Gli è stato fatto il funerale e ora si aspetta un posto per sotterrarlo, ma è stato detto alla famiglia che non ci sono posti nemmeno sotto terra. Questa è l’Italia e questa è la città di Termoli di cui io ero così orgogliosa. Non abbiamo posti per seppellire i nostri cari… che tristezza”.

Un post che ha scatenato decine di commenti che, purtroppo, hanno raccontato di tante storie simili. Adesso questa nuova ordinanza di estumulazione che, teoricamente, dovrebbe dare la possibilità di seppellire 54 nuovi defunti. Teoricamente perché, in realtà, non si tratta di una operazione facile visto che le spese di spostamento di un defunto sono a carico delle famiglie le cui identità, in cinque casi elencati nell’ordinanza comunale, sono “sconosciute”. A questo si aggiunge il costo, anche abbastanza alto, per i lavori di esumazione e di spostamento nell’ossario che sono a carico delle stesse famiglie nonostante sia un intervento che è necessario fare. Intanto da più parti ci si domanda quando partiranno i lavori per la realizzazione della nuova ala che dovrebbe sorgere alle spalle dell’attuale cimitero. Si attende l’affidamento definitivo del progetto di finanza per l’ampliamento e la riqualificazione del cimitero per l’ammontare di 14milioni di euro. Un intervento che prevede la realizzazione di loculi e la regimentazione delle acque e che viene atteso come una manna dal cielo. Fino a quando i lavori non saranno completati si dovrà necessariamente continuare con le estumulazioni. Affinché tutti i defunti abbiano la pace eterna di cui hanno diritto.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *