Continuano gli atti vandalici nel centro città, i cittadini chiedono l’installazione delle telecamere

[pro_ad_display_adzone id="159437" random="true"]

ISERNIA. Ancora atti vandalici nel centro di Isernia. Ad essere prese di mira la villa comunale e il sottopassaggio della stazione. Nei giardini pubblici l’ennesimo episodio di teppismo si è verificato ai danni della fontanella. Qualcuno l’ha completamente sradicata. Presso il sottopasso pedonale che collega piazzetta Santa Brigida a piazza della Repubblica, invece, nel mirino dei vandali è finito il secchio della spazzatura che il Comune aveva recentemente deciso di posizionare per evitare i frequenti episodi di imbrattamento. Anche il cestino dei rifiuti è stato abbattuto. I due episodi, segnalati sulla pagina Facebook del gruppo ‘Obiettivo Isernia’, hanno suscitato lo sdegno degli utenti del web, stanchi di assistere impotenti a simili episodi di inciviltà. Da più parti si è tornata a sollecitare l’installazione delle telecamere. Qualcuno ha proposto di dotare la villa comunale di cancelli, in modo da poterla chiudere nelle ore notturne. Qualcun altro ha auspicato maggiori controlli, di sera e di notte, nei giardini pubblici da parte delle forze dell’ordine.

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi
[pro_ad_display_adzone id="159441" random="true"]

Una risposta su “Continuano gli atti vandalici nel centro città, i cittadini chiedono l’installazione delle telecamere

  1. Mara Iapoce

    Con il buonismo si decreta solo la rovina di una comunità. In un mondo affogato nel relativismo, si depotenziano i concetti e si cerca anche di non metterli allo scoperto perché “qualcuno potrebbe offendersi”. Chi, di grazia? I vandali? Facciamo il loro gioco, allora, in nome di un non ben identificato concetto di tolleranza? Ribaltiamo le regole e facciamo diventare giusto l’ingiusto e viceversa? Ma siamo pazzi o che cosa??

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *