Consumi delle famiglie, il Molise tra le ultime regioni d’Italia: in 10 anni meno 4mila euro

Infissi Lombardi

Nonostante la produzione industriale sia in forte crescita e la stagione turistica è stata da incorniciare, all’appello manca ancora la ripresa della spesa delle famiglie, che è tornata sopra i livelli del 2007 solamente in sei Regioni d’Italia su venti.

È quanto emerge da un’indagine condotta da Confesercenti a partire da dati Istat ed Eures-Cer sull’impatto regionale della grande recessione dei consumi che ha colpito l’Italia negli anni scorsi. “Una recessione – ricorda Mauro Bussoni, Segretario Generale di Confesercenti – senza precedenti, tecnicamente finita nel 2014 ma di cui, a tre anni di distanza, stiamo ancora pagando gli effetti. Le famiglie italiane spendono in media ancora 1.500 euro in meno rispetto al 2007, ultimo anno prima della crisi. Ed oltre che insufficiente a recuperare il terreno perduto, la ripartenza dei consumi degli ultimi anni è stata anche profondamente diseguale sul territorio”.

Il Molise con una riduzione della spesa del 13,90% pari -4.277 euro, fa parte delle sei regioni (Veneto, Sardegna, Marche, Calabria e Umbria) che più di altre ha subito la crisi. A tornare a spendere più di quanto facessero prima della crisi sono state, invece, solo le famiglie del Trentino-Alto Adige, della Liguria, della Basilicata, della Valle d’Aosta, dell’Emilia Romagna e della Toscana. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *