Centro storico, la Giunta lancia il progetto ‘Resto a Isernia’

App Quotidiano Popup

Centro storico, la Giunta di Isernia, su proposta del sindaco Giacomo d’Apollonio, vara una serie di misure per il rilancio socio-economico della zona. Dopo il primo via libera incassato dalle parti interessate per il ritorno della facoltà di Infermieristica nella sede di via Mazzini, l’amministrazione comunale mette in campo un’altra iniziativa a supporto della parte antica della città, denominata ‘Resto a Isernia’. Un progetto di sviluppo locale che prende slancio dal programma nazionale di agevolazioni ‘Resto al Sud’ e dello schema di convenzione sottoscritto nel 2016 dal Comune di Isernia e dalla Innovation Factory per l’adesione al progetto ‘In Samex we trust’. Il primo prevede una dotazione finanziaria complessiva di un miliardo 250 milioni e prevede un contributo a fondo perduto (35% dell’investimento) e un finanziamento bancario a tasso zero (65% dell’investimento), il secondo l’impegno a progettare iniziative di sviluppo sociale ed economico in ambito locale. Nasce così ‘Resto a Isernia’, un insieme di misure che vuole essere uno stimolo alla nascita di nuove imprese giovanili in città, e attraverso cui il Comune di Isernia prova a sfruttare efficacemente le potenzialità dello strumento agevolativo gestito da Invitalia, costruendo ed attivando una rete di soggetti pubblici e privati (Circuito Samex, Privati proprietari di immobili, consulenti di finanza agevolata, Confidi. Istituto bancario) disponibili a dare il proprio contributo, ciascuno per le proprie competenze, all’attività di sostegno alla nascita di nuove imprese giovanili, secondo una precisa strategia territoriale e settoriale definita dal Comune di Isernia, lead partner del progetto. Nella pratica, ecco alcune delle iniziative previste dal progetto approvato dalla Giunta municipale pentra: la segnalazione di immobili disponibili per l’allocazione di attività economiche; l’acquisizione delle manifestazioni d’interesse da parte di giovani aspiranti fruitori delle misure agevolative in discorso; il circuito Samex mobilita i consulenti iscritti al circuito, perché prendano in carico gratuitamente le pratiche dei giovani e li assistano nella predisposizione delle richieste di finanziamento; il circuito Samex mobilita i consulenti iscritti al circuito perché organizzino corsi di formazione per neo imprenditori; l’Istituto di credito finanzia la parte d’investimento non coperta da contributo, attivando garanzie offerte da un Confidi locale iscritto al circuito Samex. Nella delibera, inoltre, si fa cenno anche alle proposte ricevute dall’amministrazione nel corso dell’assemblea pubblica del Lipa (Laboratorio di inclusione sociale e partecipazione attiva) che aveva ad oggetto proprio il centro storico. Le proposte saranno valutate per fattibilità, impatto e costi e questa fase è stata demandata ad una specifica sessione dell’Olpp (Osservatorio locale politiche pubbliche).

 

 

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *