Caso Bastianich, Frattura interviene a Radio2 da Pif: “Parlasse con De Niro o Chef Rubio” (L’AUDIO)

App Quotidiano Popup

Continua a tenere banco il ‘caso Bastianich’. Il Molise torna alla ribalta delle cronache nazionali ‘grazie’ al giudice di Masterchef che ha definito Campobasso un posto sfigato. Questo pomeriggio la nota trasmissione “I provinciali” condotta da Pif su Radio 2 si è occupata del caso ed ha ospitato il governatore della Regione. Frattura è stato al gioco e oltre ad invitare nuovamente Bastianich in Molise, gli ha consigliato di ascoltare l’opinione di Robert De Niro, originario, come noto, di Ferrazzano.

L’AUDIO DELLA TRASMISSIONE

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

3 risposte su “Caso Bastianich, Frattura interviene a Radio2 da Pif: “Parlasse con De Niro o Chef Rubio” (L’AUDIO)

  1. Maria Luisa Amato

    Dò piena ragione al nostro governatore. Una figuraccia così Bastianich poteva proprio evitarla. Quid prodest, avrebbero detto i Latini? Poi dobbiamo prendere lezioni di cucina da uno che viene da un Paese con scarsissima tradizione culinaria? Suvvia, non scherziamo!

    Rispondi
  2. lone wolf

    …ma De Niro cosa dovrebbe dire sul Molise o su Ferrazzano, se non ci è mai venuto? Quanto siamo ridicoli…, quanto mi sento piccolo come molisano…

    Rispondi
  3. Raffaella Squilletti

    Caro governatore una volta che Bastianich è a Campobasso lo porti a visitare le scuole dei nostri figli…
    Oppure gli racconti di come rimanda la data delle elezioni…
    Giusto per provare a fargli cambiare idea

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *