Arabo sospetto finisce in manette

L’attività della Polizia di Stato di Isernia volta a garantire la sicurezza nel capoluogo pentro continua senza sosta, infatti, nella giornata di ieri a seguito di un controllo di un’autovettura da parte del personale della Sezione della Polizia Stradale di Isernia – Distaccamento di Agnone, venivano fermati due soggetti extracomunitari, uno dei quali annoverava numerosi precedenti. L’auto suscitava l’interesse degli operanti in quanto presentava una targa straniera poi rivelatasi falsa. Conclusi gli accertamenti relativi alla documentazione del veicolo, il soggetto, proveniente dall’Iran, veniva messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione. Da un’analisi attenta del passaporto esibito, si accertava che lo stesso risultava alterato. A seguito delle innovazioni normative antiterrorismo, si procedeva all’arresto del cittadino iraniano che dopo le formalità di rito veniva associato presso la Casa Circondariale di Isernia. Inoltre, il personale della Divisione Anticrimine, su disposizione del Questore Borzacchiello, ha intensificato i servizi volti al controllo delle persone sottoposte a misure giudiziarie e di prevenzione in questo territorio. A tal fine sono stati espletati dei servizi straordinari nel corso dei quali, a seguito di attività amministrativa svolta dal suddetto personale, si è provveduto a sottoporre alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per la durata di un anno, un cittadino isernino gravato da precedenti per reati contro il patrimonio, contro la persona e reati relativi agli stupefacenti; il Sig. Questore ha comminato 4 Avvisi Orali nei confronti di 3 cittadini italiani ed un cittadino marocchino e 4 F.V.O. (Foglio di Via Obbligatorio) con divieto di ritorno per il periodo di anni 3 rispettivamente nei comuni di Agnone (IS), di Capracotta(IS) e di Venafro (IS) nei confronti di 3 cittadini italiani ed 1 cittadino rumeno. Nell’ambito dell’attività info-investigativa, personale della Squadra Mobile, a seguito di indagini scaturite dalle denunce delle vittime, deferiva in stato di libertà 2 cittadini italiani: uno per minacce; l’altro per appropriazione di cose smarrite e 2 donne isernine: una per minacce e danneggiamento di un autoveicolo; l’altra per minacce e getto pericoloso di cose. Il Questore ha dato impulso, altresì, all’intensificazione dell’attività di controllo del territorio, infatti, personale dell’UPGSP ha provveduto ad effettuare numerosi controlli ad esercizi commerciali che hanno consentito di identificare 12 soggetti pregiudicati, inoltre, ha ritrovato e consegnato all’avente diritto un’autovettura oggetto di furto ed ha provveduto al sequestro un autoveicolo privo della copertura assicurativa Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *