Anfora di 2mila anni recuperata dai carabinieri e consegnata alla Sovrintendenza

TERMOLI. Ad accorgersi di quell’oggetto di ceramica con ancora addosso i ‘segni’ del mare fu il figlio di un termolese che, alla morte del genitore, scoprì il ‘misterioso oggetto’ in soffitta e pensò potesse rappresentare qualcosa di importante.
Di lì la chiamata ai carabinieri e i primi studi fino alla ‘rivelazione’ di questa mattina. Ha oltre duemila anni l’anfora di epoca romana che venne ritrovata dai carabinieri di Termoli l’estate scorsa. Il reperto, che stamane è stato riconsegnato ufficialmente nelle mani della Sovrintendenza dei Beni archeologici del Molise, risale a un’epoca fra il I e il II secolo prima di Cristo e adesso è stata affidata alla Sovrintendenza che lo conserverà in strutture attrezzate, con un ‘clima’ e percentuale di umidità adatte ad evitare che si rovini e che successivamente, con la collaborazione del Polo Museale del Molise, sarà catalogato al fine di essere valorizzato ed esposto.

L’articolo integrale sull’edizione cartacea del Quotidiano in edicola domani. 

 

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *